L’amore ai tempi di internet

L’amore ai tempi di internet

L’amore è ciò che resta quando il fuoco si è spento. E’ una frase che mi ha sempre ripetuto mio padre, tratta da un film. E io condivido, pienamente. Oramai tutto è social, anche amori dichiarati ai quattro venti, urlati, tatuati che poi finiscono tra i veleni…ovviamente social. Nel mio lungo percorso di tranvate in faccia ho scoperto, invece, cos’è l’amore secondo me. L’amore è quando tuo marito ti striglia per spingerti a investire di più nelle tue risorse, è quando accetta che tu non sia perfetta, è quando ti sta accanto anche in pessime condizioni, è quando (diciamolo, anche se è un po’ trash) ti dà il bacio del buongiorno prima che tu abbia avuto la possibilità di lavarti i denti! 🙂 Ho visto grandi passioni bruciare veloci e sicuramente le tipe e i tipi in questione avranno avuto un loro perché in certi settori…ma con una persona, per starci una vita, devi avere anche tematiche di cui parlare! E deve piacerti condividere con lei del tempo senza doverlo per forza occupare scappando dalla routine e dalla quotidianità. Perché è la quotidianità la base di un rapporto forte. E’ nella quotidianità che emergono limiti e difetti. Nella quotidianità non siamo sempre truccate e pettinate di tutto punto. Guardo sempre con una certa diffidenza chi urla il proprio amore a tutti prima sui social, chi vive attimi indimenticabili e irripetibili trovando il tempo di postare prima una foto. Chi dice “ti amo” su Fb, ma si dimentica di dirlo nella vita di tutti i giorni. Anche il termine amore viene usato ormai come il prezzemolo. Ma per amare ci vuole fatica, sudore, scontro, confronto e passi, piccoli passi, a volte minuscoli l’uno verso l’altro. E’ un venirsi incontro lento e continuo. E la stima non deve mai mancare. Non deve mai mancare il credere l’uno nell’altro. Ti scelgo perché, in fondo, sento che puoi migliorarmi, che puoi farmi crescere. E ti scelgo ogni giorno, senza se e senza ma, nonostante i battibecchi e le provocazioni. E’ semplice essere amanti cogliendo solo il lato positivo di un rapporto. Essere marito e moglie, invece, necessita di pazienza, impegno e amore, tanto amore. Quello con la A maiuscola. Che non svanisce nel tempo, con le rughe, con l’età. Vi siete mai chiesti se sareste disposti a stare col vostro compagno per quello che è oltre a quello che appare? Se le sue gambe non reggessero, se il suo volto perdesse il suo splendore rimarreste al suo fianco? La chiave, per me, è in questa risposta.

[Foto di Francesca Moncullo]

Leave a Reply

Your email address will not be published.